Aida, Arena di Verona 2021

 

“The success of the ensemble of singers on this night was carried by a dynamic duo of two magnificent female artists. The Uruguayan soprano Maria Josè Siri has already made herself quite a name, especially in Italy. This summer she could not only be seen as Aida but also alongside Placido Domingo in a Gala and in the horrendously difficult role of Santuzza in Cavalleria Rusticana. While for a Santuzza in the Arena a singer must have amazing power and a well-grounded voice, the part of Aida includes some tricky high notes and enormously difficult pianissimi. Ms. Siri was convincing with a fascinating versatility and a phenomenal vocal technique. In O patria mia she showed us a beautiful tenderness, without for second seeming to drown in the Arena’s huge dimensions. The maturity in her middle range, gained from roles like Santuzza, is an ideal addition to the more dramatic outbreaks in her scenes with Amneris or Amonasro."  
Plays to see  

“Maria José Siri è un’Aida sicura, in grado di gestire le difficoltà del ruolo con eleganza e maestria, risultando interprete reattiva e adeguatamente varia.” 
Ieri oggi domani, opera

“Maria José Siri possiede come “dotazione” una voce tarata a puntino sia negli acuti troneggianti sia nelle carezzevoli mezze voci, e padronanza tecnica, anche nell’uso delle dinamiche.Ma è innegabile che il soprano abbia compiuto aggiuntivi balzi in avanti nell’ulteriore affinamento del proprio mezzo vocale e ha tratteggiato un’Aida rigogliosa di sfaccettature, interpretative e caratteriali.” 
DeArtes   

“...qui ci preme sottolineare la maiuscola prova di Maria Jose Siri che si riconferma interprete di punta di questo ruolo oltre che cantante eccezionale. Maria José Siri ha tutte le note di Aida, che sarebbe già tanto: ma sa anche dar loro significato espressivo, il che è ancor più raro. Controllo del fiato perfetto, suoni sempre coperti, tenuta dell’acuto con una facilità disarmante senza comunque mai perdere il corpo vocale e l’intenzione. Voce corposa, robusta, dal bel colore brunito, omogenea, generosa ma priva di eccessi, sono questi gli assi nella manica che fanno della Siri l’interprete di punta del Festival Areniano. La sua Aida è stata appassionata ma allo stesso tempo fragile,  aiutata da una presenza scenica raffinata e avvenente, disegna una Aida disperatamente innamorata. Di grande intensità la struggente “O cieli azzurri”: il pubblico le riserva calorosissimi e meritatissimi applausi.” 
MTG Lirica 

“María José Siri offered us a passionate Aida.  (…)  She sang her ‘o patria mia’ with generous feeling, (…) in the final duet, she floated some magical lines and had no issues being heard.”    
Operatraveller



 

 

https://operatraveller.com/2021/07/16/intimate-grandeur-aida-at-the-arena-di-verona/  

“María José Siri offered us a passionate Aida.  (…)  She sang her ‘o patria mia’ with generous feeling, (…) in the final duet, she floated some magical lines and had no issues being heard.”  

Opera traveller blog